Come scrivere uno Slogan per la tua azienda, che funzioni e ti faccia vendere di più.

La Guida per Scrivere Slogan potenti, che aprano un varco nella mente del cliente e scrivano come un Uniposca® Nero Indelebile il tuo Nome nel suo cervello.

(La più breve Guida per scrivere SLOGAN che funzionino mai esistita – tratto da una storia vera – [PRIMA PUNTATA])

Ho sentito molte donne dire che gli uomini non possono capire il dolore che loro provano quando partoriscono … ma si sbagliano.

Dovrebbero vedere un imprenditore che tenta di dare al mondo lo slogan del suo brand,

E’ sofferenza pura. Dolore allo stato profondo. Tortura fisica e mentale.

Quando si parla di tirar fuori il nome del Brand e un relativo slogan che funzioni, gli imprenditori vanno spesso in confusione, sembra che le idee si sciolgano come neve al sole e si fatica a tirar fuori qualcosa di valido.

… e anch’io soffrivo come una lucertola in una giornata d’inverno per cagare fuori uno slogan che funzionasse, fino a quando non ho capito una cosa … una cosa che i creativi e le Agenzie di Comunicazione non ti diranno mai:

Scrivere uno slogan è facile (se sai come farlo).

E sapere come farlo è anche quello facile, basta capire il seguente concetto:

Lo slogan non da il via alla Strategia di Marketing, ma ne è la CONSEGUENZA.

Le persone cercano di sfornare slogan in modo ‘creativo’, di trovare un colpo di genio, ma in realtà lo slogan perfetto non è altro che la Sintesi Suprema della tua Strategia di Marketing.

Slogan memorabili come:

  • Just do It (Nike)
  • Un Dimante è per sempre
  • Dove c'è Barilla c'è Casa
  • Spedizione Gratis. In entrambo i sensi.
  • Think Different

che hanno fatto fare milioni di soldoni alle aziende che li hanno lanciati, non sono altro che la Sintesi Suprema di una geniale Strategia di Marketing.

Quindi, a conti fatti, non esiste lo slogan geniale, ma solo strategie di marketing geniali e slogan che seguono 3 regole ben precise.

La cosa divertente è che ogni giorno centinaia di aziende in tutto il globo pagano decine di migliaia di €uro tante Agenzie di Comunicazione per studiargli uno slogan ‘creativo’.

Si, hai capito bene, so che sembra assurdo ma succede proprio questo:

Agenzie e Consulenti che non si occupano di Strategia di Marketing ma di ‘Immagine’ e ‘Creatività’, vengono pagati fior fior di quattrini da imprenditori e aziende, per creare slogan che attirino l’attenzione, divertano e incuriosiscano gli utenti.

Di solito il parametro principale che usano queste Agenzie/Consulenti per verificare se hanno fatto un buon lavoro è vedere se piace all’imprenditore stesso … e ho detto tutto.

E se sono bravi ci riescono anche (a faglielo piacere all’imprenditore, e a divertire, attirare l’attenzione e incuriosire i clienti) … però qui sembra che tutti abbiano dimenticato che lo scopo ultimo del marketing è vendere di più e impadronirsi di una maggior quota di mercato …

Comunque, il concetto non è più difficile di così:

Prima devi definire la tua Strategia, e poi lo slogan e il nome del Brand usciranno con la stessa facilità con cui una supposta lubrificata entra nel culetto soffice di un bambino.

Poi ci sono 3 regole chiave per creare uno Slogan, tre regole che possono farti vedere la luce quando stai pensando al tuo slogan e sei immobile con il foglio bianco davanti e un grosso buco vuoto nella mente.

Se ti interessa la SECONDA PARTE di questa guida, basta che ti rimbocchi le mani, prendi carta e penna e prosegui la lettura oltre la linea …


(La più breve Guida per scrivere SLOGAN che funzionino mai esistita – tratto da una storia vera – [SECONDA PUNTATA])

Le 3 Regole da seguire per trasfomare il tuo Slogan in un siluro che entri nella testa del cliente con la stessa facilità con cui una supposta lubrificata entra nel culetto di un bambino (e come evitare di farlo ‘uscire’, anche se vendi qualcosa di indifferenziato).

Ti aspetti una Guida semplice, veloce, magari con poche e precise regole per buttare giù da subito il tuo Slogan?

Oh, che pretenzioso che sei … comunque Ok, il buon Marco l’ha promesso e anche stavolta intende esaudire le tue richieste e, stranamente, intende farlo gratis.

Nella prima parte dell’Articolo ti ho dato il CONCETTO ALLA BASE della creazione di uno Slogan, e adesso voglio fare di più …. voglio darti 3 regole auree (anzi 4) per creare Slogan che funzionano per i tuoi prodotti o servizi.

Ti spiegherò il concetto e ti farò anche qualche esempio dal mondo reale, così che non possiamo sbagliarci, traquillo.

Una piccola precisazione prima di dare il via alle danze:

Quando dico 'Slogan che 'funzionano'' intendo Slogan che ti fanno vendere di più.

(Giusto per evitare che mi prenda per uno di quelli che fa creatività fine a sè stessa).

Allora, iniziamo con la prima Regola dal mio arsenale di come deve essere fatto uno Slogan:

REGOLA #1: Lo Slogan deve essere Concreto, NON astratto.

Lo scopo finale di uno slogan è di appropriarsi di una singola parola o concetto nella mente del consumatore, e questo è tanto più difficile quanto lo slogan è astratto.

Facciamo un giochino … Cerca di indovinare quali aziende hanno questi slogan:

  • 'Soluzioni che contano'
  • 'La verità dell'Ingegneria'
  • 'Il Potere di fare di più'
  • 'Fai. Credi.'

Ci riesci? Probabilmente no perchè sono astratti, e pensa che non sono neanche Brand così sconosciuti, nell’ordine: FedEx, Audi, Dell e Sony.

Anche se queste aziende alimentano le loro campagne con grosse somme di denaro, cosa cambierebbe?

Davvero pensi che qualcuno compri da FedEx perché hanno ‘Soluzioni che contano’?

Cosa diavolo vuol dire?

E che qualcuno compra un Audi perché gli dice la ‘Verità sull’Ingegneria’?

La vedo molto improbabile.

Se vuoi uno slogan che funzioni devo portarlo con i piedi per terra, esattamente come questi:

  • 'La macchina migliore da guidare'
  • 'Si sciolgono in bocca, non in mano'
  • 'La bevi e ti mette le ali'
  • 'Spedizione gratuita. In entrambi i sensi'
  • 'Testato contro le allergie. Al 100 % senza profumo'

Questi sono brand concreti che funzionano (Sono rispettivamente di: Bmw, M&M’s, Redbull, Zalando e Clinique).

La gente compra i prodotti (o per essere preciso dovrei dire i Brand) per questi slogan.

La gente compra una BMW perché è l’auto migliore da guidare, compra Redbull perché gli da la carica (mette le ali) e compra Zalando perché sa che la spedizione è sempre gratuita, anche nel reso merce.

Devi quindi rendere concreti i tuoi Slogan e chiederti sempre:

“La gente compra il mio brand perché … (e ci metti il tuo slogan)?”

Se la risposta è no, il tuo slogan è da cambiare.

REGOLA #2: Lo slogan deve concentrarsi su UNA caratteristiche, NON su tante.


Ricordi l’obiettivo supremo di uno slogan?

Esatto, impadronirsi di UN concetto o UNA parola nella mente dei tuoi clienti target.

Uno slogan deve seguire la Legge del Sacrificio, ovvero sacrificare tutte le altre caratteristiche per parlare solo di UNA caratteristica, quella che vuoi che venga associata al tuo Brand.

Hai sentito ancora parlare dell’Effetto Alone?

Quello che gli psicologici chiamano ‘Effetto Alone‘, nel marketing si chiama ‘Posizionamento’.

Quando restringi il punto focale ad un’unica idea o concetto, il consumatore diventa incline ad attribuire molto altre buone qualità al tuo prodotto.

E’ quello che ‘L’auto perfetta da guidare’ ha fatto per la BMW o ‘Il Ketchup più lento del west’ ha fatto per Heinz (facendo genialmente riferimento alla sua densità).

Tuttavia cosa cercano di comunicare i creativi e le Agenzie di comunicazioni con i loro slogan? In una parola: tutto.

E nessuno slogan funziona se copre una vasta gamma di concetti/idee, perché non riesce a penetrare nella mente dei consumatori.

Ecco un esempio di slogan focalizzato che mi piace molto:

‘Un diamante è per sempre’

Come vedi l’unica caratteristica su cui fa riferimento è la durata pressoché infinita di un Diamante, e non parla del valore, della bellezza, dell’unicità dei gioielli …

Ma non serve parlare di queste cose, perché per i consumatori se ‘dura tanto’ significa che sarà anche di grande valore, molto bello, unico, ricercato, etc. etc.

Quindi, due domande per te:

  1. Il tuo slogan è focalizzato su UNA sola caratteristica?
  2. Se la risposta è no, Qual è la Caratteristica unica che vuoi comunicare nel tuo slogan (e associare al tuo Brand)?

REGOLA #3: Uno slogan deve essere Bilateriale, NON Unilaterale.

Questa regola mi piace da impazzire.

Un buon slogan non deve solo mettere in buona luce te, ma anche mettere in cattiva luce i concorrenti.

Uno slogan bilaterale è come una lama a due tagli: dice qualcosa di positivo sul tuo brand e allo stesso tempo qualcosa di negativo sul brand della concorrenza.

Prendiamo gli slogan usati nelle elezioni americane di 6 anni fa.

Mitt Romney ha usato questo slogan: ‘Credi nell’America’.

E’ un bel pensiero, ma è uno slogan unilaterale.

Forse Barack Obama non credeva nell’America? Lo stato che gli ha dato infinite opportunità e l’ha fatto candidare a Presidente? Molto difficile da credere.

Lo slogan di Barack Obama invece era: ‘Avanti’.

Oltre a concentrarsi su un problema (e UNO soltanto) molto sentito per gli americani (il lavoro) implica anche che i Repubblicani vogliono tornare indietro.

‘Avanti‘ è uno slogan che funziona di più perché è bilaterale e taglia da entrambi i lati.

Come la spada di Blade, che feriva anche i nemici che tentavano di impugnarla.

Inoltre gli slogan bilaterali sono più memorabili perché attivano contemporaneamente due funzioni cerebrali e creano un doppio senso che è più facile da ricordare per i potenziali clienti.

Ecco alcuni esempi memorabili di slogan bilaterali:

  • 'Più bianco non si può' (Dash)
  • 'Siamo i N.2 del Noleggio Auto. Per questo ci impegniamo di più' (Avis)
  • 'Si sciolgono in bocca, non in mano (M&M's)
  • 'Fatti seguire da Venditori esperti NON da Formatori esperti' (Sistemi per Vendere™)

Va beh, l’ultimo è quello del mio Programma per aziende, ma è un ottimo esempio di slogan bilaterale e poi già che c’ero ciò piazzato la marchettata, che concludo in bellezza con il link del video di presentazione, tiè!

=> www.marcobelzani.it/sistemi-per-vendere/

Ultima cosa e poi abbiamo finito:

Devi sapere che il buon senso e il marketing quasi mai vanno d’accordo, ed è per questo che è così difficile creare campagne marketing che funzionano … perché quello che credi sia giusto se non hai studiato e applicato per anni le leggi del marketing, è sbagliato.

Il modo di pensare creato dal buon senso è nemico del buon marketing.

Vuoi un esempio su questo che riguarda proprio gli Slogan?

Il buon senso ci dice che i messaggi di marketing devono cambiare continuamente per non stancare i clienti e restare al passo coi tempi.

Il senso del marketing ci dice che questo è insensato.

Per creare un brand bisogna entrare nella testa dei clienti, e per riuscirci bisogna uscire con un messaggio COSTANTE e per un LUNGO periodo di tempo.

Burger King, Pepsi, Little Cesar e tanti altri sono caduti nelle rispettive categorie non certo per mancanza di creatività.

Ti ho citato queste 3 aziende perché negli ultimi anni sono state quelle più premiate per le pubblicità migliori, e allo stesso tempo sono quelle che hanno perso più quote di mercato nelle rispettive categorie.

Non è la mancanza di creatività che gli manca … ma la mancanza di costanza nel mantenere uno slogan per tempo sufficiente.

Quindi, mi raccomando, fai come Bill Bernbach, il genio pubblicitario degli anni ’70, che diceva:

“L’80 % della mia parcella non serve a creare qualcosa di nuovo, ma a proteggere gli slogan e le campagne pubblicitarie che funzionano da quelli che le vogliono innovare …”

E con questa siamo proprio alla fine, sei stato soddisfatto della Guida? (Alla fine non era così breve come pensavo ;))

Comunque qui c’è gratis il succo di almeno 3 libri di marketing (non tradotti in italiano per altro), quindi fanne tesoro e condivila con chi pensi possa trarne vantaggio per la sua azienda,

Good Sales,

Marco Belzani

PS: Se sei un imprenditorei e vuoi informazioni sul mio Programma per creare un Sistema di Vendita Chiavi in mano per la tua azienda in 60 giorni, dai un’occhiata qui => www.marcobelzani.it/sistemi-per-vendere/

Scrivi qui i tuoi commenti

3 Comments

  • Piero

    Reply Reply 22/03/2017

    Questo Blog sta diventando più bello e interessante di quello di Frank Merenda.Ciao e complimenti per gli articoli.

    • Marco Belzani

      Reply Reply 22/03/2017

      Grazie del commento Piero,
      C’è da dire che Frank Merenda è uno dei formatori Vendita e Marketing più grandi
      in Europa, e mi fa un po’ specie mettermi a suo paragone.

      Io non mi occupo di formazione, ma ad ogni modo anche Merenda ha contribuito a creare
      il mio bagaglio di esperienze con i suoi corsi, ed ha il merito di aver portato molti
      concetti della Vendita Professionale per primo in Italia.

      Io ho creato un Servizio diverso dalla Formazione, poiché come formazione Vendita e
      Marketing lui è già avanti a tutti.

      Credo che il mio blog non possa per ora essere messo a paragone di quello di Frank 🙂
      diciamo che è solo ‘diverso’, per i paragoni lasciami ancora qualche anno per allinearmi
      e vedremo ..;)

      Comunque grazie davvero per il commento, lo apprezzo molto, ma mi sembrava giusto
      fare questa precisazione per un Formatore che stimo molto.

Leave A Response

*

* Denotes Required Field