ECCO GLI STEP CHE DEVI SAPERE PER NON TROVARTI IMPANTANATO E SENZA SOLDI  con il tuo e-commerce.

Leggi questo articolo se STAI PENSANDO DI INIZIARE A VENDERE ONLINE…

Non c’è mai stato un momento migliore per avviare un’attività online.
Non ci credi?
Nel 2020, il numero di acquirenti digitali dovrebbe essere di 2,05 miliardi e si prevede che il numero continuerà a crescere nel 2021 raggiungendo i 2,14 miliardi
Questo significa che una persona su quattro acquisterà online (il 26,28% dei 7,8 miliardi di persone nel mondo).

Nonostante la natura altamente competitiva, anche tu puoi sviluppare e lanciare una fiorente attività di e-commerce con l’aiuto di questa guida.
Non si può quindi negare il potere dell’e-commerce. Secondo Statista i consumatori online italiani sono circa 38 milioni, ovvero il 62% della popolazione, e si prevede che entro il 2023 raggiungeranno quota 41 milioni.

Cosa ci dice questo? Che non c’è mai stato un momento migliore per investire in questo strumento. 
Ma prima di trasformarti in una macchina del profitto, è importante che tu ti faccia 3 domande per capire se l’E-commerce sia la tua priorità (e se è il modo migliore per investire i soldi).
Per arrivare ad individuare queste domande chiave ho chiesto a Philip Dall’Igna, il mio socio specializzato nel mondo digital.
Vediamo assieme quali sono.

Hai veramente bisogno di un E-commerce?
Mettere in piedi un E-commerce non è una passeggiata: oltre ad essere complicato da costruire, necessita un investimento che, prima di essere fatto, richiede di fermarsi un attimo e chiedersi se quella sia la priorità da cui bisogna partire.
Se una volta che hai vagliato le varie alternative hai capito che è il modo migliore per investire i tuoi soldi, c’è un’altra importante domanda che devi farti:
E’ necessario che faccia l’E-commerce o puoi sfruttare altri canali di vendita?
E’ importante che tu ti ponga questa domanda perchè nella scelta dell’E-commerce, non esiste un solo tipo di E-commerce, e tu devi capire (ovviamente con l’aiuto di un tecnico) qual è quello più adatto alle tue esigenze.
Esistono ad esempio alcune piattaforme (nel termine tecnico si chiamano ‘marketplace’) che ti permettono di vendere senza dover mettere in piedi la struttura tecnica di un E-commerce.
Amazon ed Ebay ne sono un esempio. 
Un’altra domanda che è utile farsi prima di procedere con una scelta (e un investimento) di questo tipo è:

Il pubblico a cui ti rivolgi è preparato per passare dalla modalità di acquisto a cui era abituata, all’E-commerce?
Supponiamo tu venda poltrone per anziani… potrebbe essere che decidere di creare un E-commerce sia un investimento poco sensato, essendo che i tuoi clienti sono perlopiù persone che non sono abituati ad utilizzare questi mezzi e preferiscono ancora venire in negozio piuttosto che comprare la merce online.
È un esempio banale ma ti aiuta a capire che l’online e l’offline richiedono due mentalità e due approcci completamente diversi.
Molte volte gli imprenditori sbagliano le valutazioni e sono sicuri che ‘fare l’E-commerce sia la priorità’ proprio perchè fanno l’errore di approcciarsi all’online allo stesso modo con cui si approcciano all’offline.
Queste sono le prime 3 domande principali che come imprenditore dovresti farti (sono solo alcuni degli spunti forniti da Philip Dall’Inga. Se vuoi saperne di più puoi andare direttamente sul suo articolo cliccando sul link qui affianco: ARTICOLO ).
Se una volta fatte queste domande hai capito che l’e-commerce è la tua priorità, allora possiamo iniziare a mettere le basi del tuo negozio online.
Sei pronto? Partiamo.
A questo punto sono altre le domande che devi farti, e servono per aiutarti a capire su cosa verticalizzare il tuo e-commerce (e fare in modo di ottimizzare ogni risorsa che investirai da questo momento in poi).

  • Quali problemi vuoi risolvere?
  • Sei interessato a vendere qualcosa a un pubblico particolare?
  • Vi sono particolari tendenze nel commercio elettronico?
  • A quali prodotti esistenti sei appassionato o interessato?
  • Esiste un prodotto che desideri che tu possa realizzare?

Pensa a quali tipi di prodotti suscitano il tuo interesse e al mercato in cui potresti voler entrare. Sapere in quale nicchia stai gravitando può aiutarti ad affinare il prodotto o i tipi di prodotti che sei più entusiasta di vendere.
Guardati intorno. È probabile che ci sia un prodotto che usi ogni giorno che potrebbe essere migliorato o ampliato.
Ricorda, non è necessario inventare un nuovo prodotto mai visto prima per avviare un’attività di e-commerce di successo.

Il 1° PASSO che devi fare PRIMA di affidare a qualcuno il tuo budget marketing per la creazione dell’e-commerce.

Ora che hai un’idea di ciò che vuoi vendere, è tempo di rimboccarti le maniche e ricercarne la fattibilità e il mercato in cui vuoi vendere. In altre parole, è tempo di ricerche di mercato.
La ricerca di mercato è una parte fondamentale dello sviluppo di qualsiasi prodotto o servizio. Ti aiuta a capire non solo se ciò che vuoi vendere è redditizio, ma ti aiuterà a assicurarti che il tuo prodotto sia pronto per il mercato.
Questa è un’eccellente opportunità per esporre tutti i dettagli sul tavolo e costruire un prodotto che sai sarà prospero fin dall’inizio.
Detto questo, ci sono alcuni modi per raccogliere dati di ricerche di mercato, tra cui:

  • Test sul prototipo
  • Feedback del focus group (gruppo di lavoro)
  • Ricerca sulla concorrenza
  • Rapporti di mercato

Questi metodi rientrano in due tipi di categorie: ricerca primaria e ricerca secondaria. Sia la ricerca primaria che secondaria è fondamentale per la raccolta dei dati.
>> RICERCA PRIMARIA
Questo tipo di ricerca ha una natura esplorativa, il che significa che ti stai concentrando su eventuali problemi o difetti del prodotto. Invece di esaminare le tendenze e altri oggetti misurabili, stai studiando eventuali problemi evidenti che potrebbero impedirne la vendita o causare problemi ai clienti lungo la strada.
Una volta terminata la ricerca esplorativa, puoi quindi indagare su ciascuno di questi problemi e capire come risolverli o combatterli. Questo è noto come ricerca specifica.
Questo è un componente del processo di ricerca di mercato che non puoi trascurare. La sostenibilità della tua azienda dipende da questo.
>> RICERCA SECONDARIA
Questo componente del processo di ricerca coinvolge alcuni componenti. La ricerca secondaria è altrettanto cruciale della ricerca primaria e insieme i due tipi aiutano a mettere insieme un rapporto completo.
Queste informazioni comprendono informazioni demografiche di potenziali clienti come posizione, età, livello di reddito, comportamento di acquisto e preferenze dell’acquirente. 
Le statistiche di mercato possono essere utili per capire chi è il tuo consumatore target, chi sono i tuoi concorrenti e se la tua attività è redditizia. Puoi trovare questi dati online attraverso delle risorse attendibili come Statista e IBISWorld.
Ma non è tutto…. Se potessi dare un’occhiata alle esperienze di attività simili, incluso il modo in cui hanno superato eventuali ostacoli o punti dolenti? I casi di studio sono una grande risorsa quando si tratta di apprendere non solo sulla concorrenza, ma anche sulle sfide che si possono incontrare e su come affrontarle. Per trovare case study rilevanti per la tua attività, Google [product / industry] + case study e dovresti avere molto da scegliere.
Come le statistiche di mercato, comprendere il quadro completo del mercato a cui sei interessato può guidare lo sviluppo del tuo business. Questi dati sono anche un’ottima risorsa per determinare la vitalità della tua azienda.
Può essere allettante voler saltare subito alla vendita, soprattutto da quanto sia facile vendere online. Ma se trascuri le falle nel tuo prodotto, tornerai presto al punto di partenza.
Più tempo impieghi per scovare i difetti, migliore sarà la tua attività sin dall’inizio.

Il 2° passaggio che devi fare per capire se la tua idea di Business può avere un futuro (oppure no).

Questa fase va di pari passo con la ricerca sullo sviluppo del business.
Così come è essenziale testare la fattibilità del tuo prodotto e comprendere il tuo mercato di riferimento, devi verificare che il tuo prodotto funzioni come previsto.
Questa fase potrebbe non applicarsi necessariamente a tutte le attività di e-commerce allo stesso modo. Ad esempio, se hai intenzione di gestire una boutique di abbigliamento e ottenere pezzi a prezzo all’ingrosso, probabilmente dovrai solo testare qualità, vestibilità, stile, ecc.
Tuttavia, se stai costruendo un prodotto da zero, è indispensabile assicurarsi che funzioni come pubblicizzato. Per prima cosa, ti consiglio di assicurarti che:

  1. le istruzioni siano rispettate 
  2. una volta costruito, il prodotto funzioni come previsto.

È anche una buona idea assicurarsi che il prodotto non presenti alcun rischio per l’utente. 
L’ultima cosa che vorresti che succedesse è rendersi conto che il tuo prodotto ha diversi difetti che avrebbero potuto essere evitati o risolti e che avrebbero un impatto negativo sulla tua attività.

ALT… Aspetta, non è ancora il momento di vendere: c’è ancora un altro step che devi fare per far decollare il tuo e-commerce.

Hai il tuo prodotto ed è pronto per essere immesso sul mercato, quindi puoi iniziare a vendere, giusto?
Non proprio.
Prima di iniziare a vendere, dovrai redigere un piano aziendale.
I piani aziendali sono fondamentali per un paio di motivi. Loro possono:

  • Aiutarti a ottenere sostegno finanziario se lo desideri o ne hai bisogno.
  • Servire come guida quando si prendono decisioni commerciali.
  • Misura la crescita e guida i piani futuri.

Può sembrare un sacco di lavoro e lo è, ma come i test sui prodotti e alle ricerche di mercato, è un altro componente che preparerà il tuo business per una crescita a lungo termine.
Ecco cosa comprende a maggior parte dei piani aziendali comprende:
1) Logistica e operazioni

Questa sezione dovrebbe contenere informazioni su tutto, dal modo in cui il prodotto viene prodotto o acquistato al modo in cui è confezionato e inviato ai clienti.
2) Processi di business

Imparerai rapidamente che la tua azienda deve disporre di processi intelligenti per mantenere le cose funzionanti. È probabile che i tuoi sistemi cambino man mano che la tua azienda cresce, ma è una buona idea avere una posizione centralizzata in cui vivono questi dettagli.
3) Ripartizione delle vendite

In che modo dovresti monitorare la crescita, i profitti, o qualsiasi altra cosa, a meno che tu non abbia una ripartizione dettagliata delle vendite? Comprendere quanti articoli devi vendere per raggiungere il pareggio, realizzare un profitto, ecc. È un’informazione fondamentale da tenere al tuo fianco. Questo ti aiuterà a guidare molte delle decisioni che dovrai prendere come imprenditore.
4) Piano di marketing e strategia di acquisizione del cliente
Avere un piano di marketing e una strategia di acquisizione dei clienti è vitale per la crescita di qualsiasi azienda. Non sarai in affari se non sai come raggiungere e convertire i clienti continuamente.
5) Informazioni finanziarie

Questa sezione dovrebbe includere tutto, dai budget trimestrali e annuali ai rapporti sulle vendite. Avere un impulso accurato sulla salute finanziaria della tua azienda ti aiuterà a evitare eventuali insidie.

Ciò che devi conoscere per rendere MEMORABILE l’esperienza dell’utente sul tuo e-commerce.

Pronto a vendere?
Ci siamo quasi, lo prometto.
Per iniziare a vendere, devi costruire un negozio. Ma non un qualsiasi negozio online.
Devi creare un’esperienza di acquisto eccezionale per ogni cliente che visita il tuo negozio. Fornire ai clienti un’esperienza di shopping memorabile e facile li farà tornare.
Cosa rende un sito e-commerce eccezionale?
Prima di iniziare a giocare con i modelli o aggiungere il tuo catalogo prodotti, diamo un’occhiata a ciò che rende grande un negozio online.
Gli elementi che distinguono i grandi negozi dal resto includono:

  • Design del sito intuitivo
  • Navigazione facile
  • Ottima velocità del sito
  • Una funzione di ricerca utile (e facile da usare)
  • Descrizioni dettagliate dei prodotti e immagini chiare dei prodotti

Ora immagino che ti stai domandando quali costruttori di negozi dovresti considerare…
Queste sono solo alcune delle cose da tenere a mente quando costruisci il tuo negozio di e-commerce. Ma a seconda del prodotto e del pubblico, potrebbe essere necessario concentrarsi su alcune cose più di altre.
Quindi, come si fa a costruirlo?
In questi giorni, ci sono diversi costruttori di negozi di e-commerce tra cui scegliere, tra cui:
Shopify: Shopify è una piattaforma di e-commerce leader che consente ai proprietari di attività di personalizzare completamente il proprio negozio online, nonché di gestire i propri prodotti, inventario, pagamenti e molto altro in un unico hub.
BigCommerce: BigCommerce è una piattaforma di e-commerce versatile ricca di funzionalità che aiutano gli imprenditori a crescere e gestire la propria attività come opportunità di commercio multicanale, pagamenti localizzati e funzionalità di portafoglio digitale per citarne alcuni.
WooCommerce: costruito appositamente per integrarsi con i siti WordPress, WooCommerce offre funzionalità simili a quelle di Shopify e BigCommerce in termini di pagamenti e design dello storefront.
Squarespace: Squarespace è una piattaforma all-in-one completa di strumenti come la gestione della merce e il catalogo prodotti, per il checkout a pagina singola e modelli di negozi ottimizzati per dispositivi mobili.
Alcuni potrebbero funzionare meglio per la tua azienda rispetto ad altri, quindi è nel tuo interesse guardare da vicino ogni piattaforma.
Costruire il tuo negozio con un costruttore di e-commerce è uno dei percorsi più convenienti da prendere quando si tratta di questa fase. Tuttavia, se vuoi assumere qualcuno per sviluppare il tuo negozio online per te, questa è certamente anche un’opzione.
Assicurati di lavorare con qualcuno che abbia già avuto esperienza nella costruzione di negozi di e-commerce e che abbia un occhio su ciò che i clienti stanno cercando in un’esperienza di acquisto.
A meno che tu non sia completamente estraneo al panorama digitale, probabilmente avrai sentito parlare dell’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO).
Se non hai familiarità con la SEO, è come produci traffico più organico (gratuito) da motori di ricerca come Google, Bing e Yahoo.
Quindi, come può aiutare la SEO?
C’è un sacco di disordine là fuori.
In effetti, ci sono circa 2-3 milioni di aziende di e-commerce nel mondo oggi.
Pertanto, la SEO è una parte vitale della vendita online in quanto può aiutarti a mettere i tuoi prodotti davanti al pubblico giusto e aiutarti a costruire la tua autorità.
Definire la giusta strategia SEO per la tua attività comporta:

  • Conduzione di ricerche per parole chiave.
  • Organizzare le pagine del sito del tuo negozio di e-commerce per SEO, altrimenti noto come struttura del tuo sito, e ottimizzarle.
  • Revisionare e migliorare continuamente le pagine del negozio per massimizzare i risultati.

La SEO, come altre tattiche di acquisizione dei clienti, richiede continue prove ed errori fino a quando non ottieni i risultati desiderati. E non si ferma qui. Devi continuare a ottimizzare il tuo negozio man mano che gli algoritmi e le query di ricerca evolvono.
Potrebbe non essere così chiaro o intuitivo come altre parti dell’avvio di un’impresa, ma è un pezzo essenziale.

Ora sei pronto per acquisire nuovi clienti: ecco quali sono gli ‘strumenti’ che ti faciliteranno questo compito…

Bene. Se sei arrivato fino a qui significa che hai fatto tutto il lavoro pesante, quindi ora i clienti inizieranno ‘ipoteticamente’ a fare la fila, giusto?
Non così in fretta.
Ottenere il tuo primo cliente è un risultato fantastico, ma ciò che separa le aziende di successo da quelle sulla corsia preferenziale al fallimento è la loro capacità di portare ripetutamente nuove attività.
Se non hai un flusso costante di nuovi clienti, avrai difficoltà a tenere le luci accese.
Come fai a sapere se la tua strategia sta funzionando o se una tattica vale l’investimento, se non hai dati precisi e approfondimenti per sostenerlo?
Gli indicatori chiave di prestazione (KPI) ci aiutano a capire come funzionano le cose e possono aiutare a determinare ciò che deve essere adattato.
KPI come condivisioni, Mi piace e commenti, sebbene importanti per il quadro generale, non sono cruciali come altre metriche. Gli indicatori KPI che determineranno se si sta spostando l’ago della bilancia, sono il tasso di conversione, il margine medio e il tasso di abbandono del carrello, per citarne alcuni. Diamo un’occhiata più da vicino a queste tre metriche.
Tasso di conversione:
Il tasso di conversione è il tasso con cui i tuoi clienti raggiungono un obiettivo desiderato come fare un acquisto o iscriversi alla tua newsletter. Questa metrica misura l’impatto delle tue tattiche e se hai bisogno di rivalutare la tua strategia in relazione a tali obiettivi.
Margine medio:
Altrimenti noto come margine di profitto medio, questa percentuale rappresenta il margine di profitto in un determinato periodo.
Tasso di abbandono del carrello:
Questo KPI indica quanti acquirenti inseriscono articoli nel carrello ma non effettuano un acquisto. Come avrai intuito, vuoi che il tuo tasso di abbandono del carrello sia basso.
Scopri quali altri KPI devi tenere traccia per aiutarti a valutare le prestazioni delle tue tattiche e campagne. Questi dati sono uno dei modi migliori per vedere come sta andando la tua attività.
Inoltre queste informazioni possono aiutarti a prendere decisioni su campagne e prodotti futuri.
Una solida strategia di marketing avrà diversi componenti che lavorano insieme per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi. Poiché si tratta di una nuova attività, testare diverse tattiche e vedere come lavorano insieme ti darà un’idea di ciò che risuona con il tuo pubblico di destinazione e dove devi adattarti.
Diamo un’occhiata ad alcuni dei canali di marketing più popolari.
Pubblicità sui social media:
Con oltre 3,2 miliardi di utenti di social media, ovvero il 42% della popolazione mondiale, questi canali rappresentano il luogo privilegiato per fare pubblicità al pubblico di destinazione. Facebook, Twitter, Instagram e YouTube sono alcuni dei canali più popolari su cui fare pubblicità.
Ogni piattaforma offre diversi tipi di annunci, come video e immagini statiche, nonché formati di annunci unici per la piattaforma in questione.
Marketing sui motori di ricerca:

Search Engine Marketing (SEM) si riferisce all’aumento del traffico del sito Web attraverso annunci acquistati su motori di ricerca come Google e Bing. Quando cerchi un prodotto che ti interessa acquistare, probabilmente vedrai diversi collegamenti a pagine di prodotti di varie marche.
Questo è SEM in azione. È facile per i clienti fare clic direttamente sui prodotti a cui sono interessati e ottenere un’istantanea di importanti informazioni sul prodotto come prezzo e marchio.
Influencer Marketing e partnership:
Probabilmente hai sentito il termine “influencer” se non ti sei nascosto sotto una roccia. 
Entrare in questo settore da 5-10 miliardi di dollari è un ottimo modo per esporre il tuo marchio non solo al tuo pubblico di riferimento, ma anche a persone alle quali altrimenti non potresti avere accesso. Gli influencer hanno quasi seguaci di culto, che rendono potente questa tattica di marketing.
I follower si fidano degli influencer, quindi i consumatori pensano “se usano questi prodotti e li raccomandano ad altri, devono essere fantastici”.
Retargeting:
Questo metodo di marketing è altamente efficace. Così efficace che i visitatori del sito sottoposti a retargeting hanno il 70% di probabilità in più di convertire. Quindi cos’è il retargeting? 
In breve, il retargeting utilizza i cookie dal browser del cliente per tenere traccia del suo comportamento online e consigliare prodotti basati su tali dati. Ad esempio, se il tuo cliente stava guardando un prodotto sul tuo sito Web e faceva clic sulla pagina, gli veniva mostrato un annuncio per lo stesso prodotto su un sito Web diverso per ricordare loro il prodotto.
Campagne e-mail:
Chiunque dica che l’e-mail è morta probabilmente non sa come usarla correttamente. Le campagne e-mail sono un altro modo eccellente per interagire con i clienti per vari scopi. Stai aggiungendo un altro prodotto alla tua gamma ad un certo punto lungo la strada? Invia una email teaser con accesso esclusivo a coloro che sono nella tua lista email. Le possibilità sono infinite.
La linea di fondo è che non esiste un modo “giusto” per commercializzare la tua attività. In effetti, è saggio provare numerosi canali e vedere veramente ciò che funziona meglio per la tua azienda.

Prima di acquisire nuovi clienti devi fare un’altra cosa (che ti permetterà di ottimizzare il budget e guadagnare di più)…

Lo so cosa stai pensando: “Non posso semplicemente trovare clienti nuovi di zecca invece di fare affidamento su quelli vecchi? Non funzionerà meglio?”
Non proprio.
L’abbandono del cliente, altrimenti noto come percentuale di clienti che hanno smesso di usare il prodotto o hanno smesso di acquistare da te, può avere un impatto grave sulla tua attività.
C’è molto da dire sui clienti che conoscono e amano il tuo prodotto.
Si stima che circa 136,8 miliardi di dollari all’anno vengano persi dalle società statunitensi a causa di un evitamento dei consumatori.
Inoltre, il 67% della contrazione dei clienti potrebbe essere evitato se le aziende si rivolgessero e lavorassero per fornire una soluzione a un problema dei clienti durante la loro prima interazione.
Cosa ci dice questo?
Costa più trovare e convertire nuovi clienti che restituire quelli esistenti. Inoltre, spendi così tanto tempo, denaro e fatica nella ricerca dei clienti, quindi quando finalmente li avrai, non lasciarli andare alla deriva.
Non smettere mai di provare a generare nuovi affari, ma non dimenticare nemmeno i tuoi clienti esistenti. Potresti lasciare dei soldi sul tavolo se li lasci scivolare tra le dita.
In che modo un’azienda mantiene i clienti?
Compresa l’importanza della fidelizzazione dei clienti, come puoi fare leva su chi ha già acquistato da te?
Diamo un’occhiata ad alcuni dei modi migliori per fidelizzare i tuoi clienti.
Prova sociale trasparente:
Sapevi che l’83% dei consumatori afferma di avere maggiori probabilità di acquistare un prodotto se raccomandato da familiari o amici? La prova sociale è un ottimo modo per stabilire la fiducia con i tuoi clienti mantenendo le cose oneste.
Recensioni, immagini generate dai clienti e valutazioni aggiungono trasparenza alla tua relazione con i tuoi clienti, che è fondamentale per mantenerli.
Eccellente servizio clienti:
Quanto conta il servizio clienti per i tuoi clienti? Un sacco. American Express ha scoperto che sette consumatori statunitensi su dieci dichiarano di aver speso di più con un’azienda che fornisce un servizio clienti migliore rispetto a un’azienda che non lo fa.
Riduci l’attrito con l’esperienza utente del tuo negozio:

I clienti che non capiscono come utilizzare il tuo sito Web o ne sono frustrati probabilmente non torneranno. Un ottimo modo per porre rimedio a questo è verificare l’esperienza utente del tuo negozio e identificare le aree che potrebbero essere migliorate o semplificate. 
Ad esempio, se la procedura di pagamento è difficile da esplorare, pensa a come semplificare il cliente. Migliore è l’esperienza utente del tuo sito, migliore è per i tuoi clienti.
Il consiglio più vero che posso darti, oltre ai tanti che ti ho riportato in questo articolo, è di cercare sempre modi per migliorare il tuo business. Il duro lavoro non si ferma dopo che il tuo negozio è attivo e hai venduto il tuo primo prodotto.
Poiché hai appena iniziato, concentrati sull’implementazione delle best practice e dei test. Una volta che hai dati affidabili da analizzare, puoi iniziare a ottimizzare e apportare modifiche supportate dai dati.

Scrivimi qui sotto qualsiasi domanda tu abbia sul business, sulle priorità o sulla tua azienda e ti risponderò molto volentieri.

Ci vediamo alla prossima.

Good Sales,

Marco Belzani
Priority Business Strategist
Metodo Prioteck™

▶︎ Leggi il mio libro ‘Priority Report’ => https://www.priorityreport.it

▶︎ Vuoi una Consulenza Strategica per valutare le tue Priorità? Inizia da qui => https://www.prevalutazione.com

► COSA POSSO FARE PER TE (IN BREVISSIMO)?

Vuoi un piano d’azione personalizzato e concreto per aumentare i risultati della tua azienda e hai scartato l’idea di fare lunghi corsi di formazione perché preferisci l’applicazione pratica alla teoria?

Perfetto. Io mi metto al fianco di libero professionisti e imprenditori per dir loro NEL DETTAGLIO cosa devono fare nei prossimi 3 mesi per raggiungere i risultati a cui ambiscono.

Se ti interessa una consulenza preliminare sulle tue priorità, vai qui => https://www.prevalutazione.com

Lascia un commento

Share via
Copy link